Persone e progetti per un equo accesso all'acqua
 COMUNICATO STAMPA - Speciale Dicembre 2004
www.finisterrae-onlus.org

IMMANE TRAGEDIA

NEL SUD EST ASIATICO

L'associazione Finisterrae si unisce agli appelli alla solidarietà...

Il bilancio del maremoto che ha investito parte dell’Asia meridionale e del Sudest asiatico potrebbe essere tra le 30 e 50mila vittime ed è destinato a crescere. La corsa della solidarietà internazionale è già iniziata con la Commissione europea, Onu, Stati Uniti e numerose organizzazioni umanitarie tra cui Medici Senza Frontiere, Save the Children, Caritas Italiana e la Croce Rossa Internazionale. In Sri Lanka si è attivata una rete di solidarietà di volontari animata dal movimento Sarvodaya. Da Unicef Italia arriva l'appello ai media italiani perché, al di là della evidente preoccupazione per i nostri connazionali in vacanza, si mobilitino immediatamente aiuti per i bambini e le famiglie povere dei paesi colpiti, vittime di questa catastrofe naturale (dal comunicato stampa di Unimondo - www.unimondo.org)

Noi siamo vicini a tutti i volontari che in queste tragiche ore si stanno preparando a correre sul posto per aiutare i disperati e che nelle prossime settimane contribuiranno alla ricostruzione e a salvare tante vite umane. Crediamo che non si possa e non si debba rimanere indifferenti a tragedie di questa portata... anche un piccolo aiuto è importante ora.

Alcune campagne di raccolta fondi straordinari per i primi soccorsi...
MSF - Medici senza Frontiere http://www.msf.it/msfinforma
"Stiamo completando l'invio di un aereo cargo con 32 tonnellate di medicine e materiale medico per le operazioni di soccorso", dichiara Stefano Savi, Direttore generale di MSF Italia. Questa prima spedizione di aiuti permetterà a MSF di avviare progetti d'emergenza per soccorrere tra le 30.000 e le 40.000 persone nel nord di Sumatra, la regione più vicina all’epicentro del terremoto". Per sostenere le azioni di soccorso per le popolazioni colpite dal maremoto, MSF ha lanciato una campagna di raccolta fondi straordinaria per raccogliere almeno 1,5milioni di euro per avviare i primi soccorsi.
Save the Children http://www.savethechildren.it

Save the Children si sta attivando rapidamente per assistere i bambini e le famiglie colpite dal devastante terremoto-maremoto nel Sud Est Asiatico. Il team dell’organizzazione sta conducendo i primi sopralluoghi in India, Sri Lanka e Indonesia per pianificare l’invio degli aiuti. In particolare, in stretto coordinamento con gli staff locali, Save the Children provvederà alla fornitura di ripari, tende e generi di prima necessità per i bambini e le famiglie colpite dall’immane disastro.

 

CIPSI - Solidarietà e Cooperazione http://www.cipsi.it

In seguito al violento maremoto che ha colpito il Sudest asiatico, Guido Barbera, presidente del CIPSI – Coordinamento di 36 ONG di cooperazione internazionale- ha contattato con urgenza questa mattina il partner locale, un’associazione di sviluppo rurale PRDA – People’s Rural Development Association. Shanti Fernando, la responsabile del PRDA dello Sri Lanka, ha scritto:“Il paese è sotto un terribile shock, attualmente sono più di 7mila le persone ufficialmente decedute e circa 400mila i senza tetto. Le comunicazioni tra il Nord e il Sud del paese sono interrotte, le strade sono bloccate, non ci sono comunicazioni, trasporti, elettricità. Chiediamo al CIPSI un intervento straordinario non solo per l’assistenza immediata ed i primi soccorsi, ma soprattutto per la seconda fase di ricostruzione del paese e di riabilitazione sociale”.

 

In occasione di disastri naturali di questa portata, l’immediatezza dell'intervento può fare la differenza nel salvare migliaia di persone. Compiamo insieme un gesto di solidarietà!


Design Logo Newsletter: Alessandro Ferraro - Design Logo Finisterrae: Sofia Romano

ASSOCIAZIONE FINISTERRAE-ONLUS www.finisterrae-onlus.org
Via A. Litta Modignani 93 - 20161 Milano - info@finisterrae-onlus.org
Conto Corrente Bancario: Banca Etica, ABI 05018, CAB 01600, N. C/C 110723
Iscritta al Registro Regionale delle Onlus al N. 11985 in data 05/08/2003

Se non si riesce a visualizzare correttamente la pagina, cliccare qui

Se non si desidera più ricevere questa Newsletter replicare a questa mail inserendo nel subject "Cancellare"